Working with haemophilia

Se puoi sognarlo, fallo

"Chi vuoi essere da grande?" si chiede sempre ai ragazzi ragazzi.  E anche se non è del tutto realistico per qualcuno che vive con l'emofilia diventare un astronauta o un pompiere, oggi ci sono molte altre opzioni che anni fa non erano possibili.

Bisogna ringraziare la medicina per i grandi sviluppi nella cura dell'emofilia e l'ampia selezione di professioni oggi possibili. In passato, vivere con l'emofilia significava avere sanguinamenti imprevedibili e periodi di ospedalizzazione che a loro volta influenzavano negativamente le possibilità di carriera. 
Comprensibilmente, questo ha portato molte persone a nascondere la propria condizione.
Ma oggi, le cose sono cambiate: il mondo è a portata di mano!
 

Dire o non dire?

Stai per iniziare un nuovo lavoro? 
Ti starai probabilmente chiedendo se dovresti parlare al tuo nuovo capo della tua emofilia. Bene, la buona notizia è che dipende interamente da te.

Se la tua emofilia è lieve e sai che non influenzerà il tuo lavoro, potresti scegliere di tenerlo per te, almeno all’inizio. Una volta che ti sarai sistemato, invece, potresti sentirti più a tuo agio nel far sapere e istruire i tuoi colleghi sul significato dell’emofilia e cosa comporta questa per te.

Se credi che avere emofilia possa interferire con il tuo nuovo lavoro, forse vale la pena chiedersi: questo lavoro fa davvero per me?
Anche in questo caso, il tuo team di assistenza sarà pronto a consigliarti.

Responsive banner

Quali sono i miei diritti?

Per prima cosa: è contro la legge che i datori di lavoro ti discriminino a causa della tua emofilia.

Il personale delle risorse umane a volte fa domande sulla salute o sulle disabilità, ma solo per determinare se è possibile per te svolgere un compito essenziale per la posizione. Quindi, se stai facendo domanda per un posto di lavoro in un call center, non dovresti rispondere a nessuna domanda sulla tua condizione. Infatti, in alcuni Paesi, i datori di lavoro non sono autorizzati a chiederti se hai una disabilità e non sei obbligato a dir loro nulla sulla tua emofilia (a meno che non influenzi direttamente il tuo lavoro).

Dato che i diritti e le normative variano da Paese a Paese, assicurati di conoscere le normative nella tua posizione specifica.

Quali sono le mie possibilità?

Opzioni di trattamento preventivo come la profilassi oggi stanno aprendo la strada verso nuovi percorsi professionali per persone con emofilia (come il lavoro con macchinari pesanti, una volta considerato impossibile) e altri lavori considerati “off-limits”.

Per quanto grandi siano questi sviluppi, però, ricorda che avere una patologia come l'emofilia può comportare ancora dei rischi. Alcuni percorsi professionali, come lavorare in polizia o nei vigili del fuoco non sono ancora accessibili, ma se i potenziali rischi vengono ben gestiti, la maggior parte delle professioni sarà aperta per te, limitata forse solo dalla tua immaginazione!

Con la mente aperta e i consigli giusti dalla tua rete di supporto, il lavoro dei tuoi sogni sarà a portata di mano.

lavorare con l'emofilia

Se puoi sognarlo, fallo

"Chi vuoi essere da grande?" si chiede sempre ai ragazzi ragazzi.  E anche se non è del tutto realistico per qualcuno che vive con l'emofilia diventare un astronauta o un pompiere, oggi ci sono molte altre opzioni che anni fa non erano possibili.

Bisogna ringraziare la medicina per i grandi sviluppi nella cura dell'emofilia e l'ampia selezione di professioni oggi possibili. In passato, vivere con l'emofilia significava avere sanguinamenti imprevedibili e periodi di ospedalizzazione che a loro volta influenzavano negativamente le possibilità di carriera. 
Comprensibilmente, questo ha portato molte persone a nascondere la propria condizione.
Ma oggi, le cose sono cambiate: il mondo è a portata di mano!
 

Dire o non dire?

Stai per iniziare un nuovo lavoro? 
Ti starai probabilmente chiedendo se dovresti parlare al tuo nuovo capo della tua emofilia. Bene, la buona notizia è che dipende interamente da te.

Se la tua emofilia è lieve e sai che non influenzerà il tuo lavoro, potresti scegliere di tenerlo per te, almeno all’inizio. Una volta che ti sarai sistemato, invece, potresti sentirti più a tuo agio nel far sapere e istruire i tuoi colleghi sul significato dell’emofilia e cosa comporta questa per te.

Se credi che avere emofilia possa interferire con il tuo nuovo lavoro, forse vale la pena chiedersi: questo lavoro fa davvero per me?
Anche in questo caso, il tuo team di assistenza sarà pronto a consigliarti.

Responsive banner

Quali sono i miei diritti?

Per prima cosa: è contro la legge che i datori di lavoro ti discriminino a causa della tua emofilia.

Il personale delle risorse umane a volte fa domande sulla salute o sulle disabilità, ma solo per determinare se è possibile per te svolgere un compito essenziale per la posizione. Quindi, se stai facendo domanda per un posto di lavoro in un call center, non dovresti rispondere a nessuna domanda sulla tua condizione. Infatti, in alcuni Paesi, i datori di lavoro non sono autorizzati a chiederti se hai una disabilità e non sei obbligato a dir loro nulla sulla tua emofilia (a meno che non influenzi direttamente il tuo lavoro).

Dato che i diritti e le normative variano da Paese a Paese, assicurati di conoscere le normative nella tua posizione specifica.

Quali sono le mie possibilità?

Opzioni di trattamento preventivo come la profilassi oggi stanno aprendo la strada verso nuovi percorsi professionali per persone con emofilia (come il lavoro con macchinari pesanti, una volta considerato impossibile) e altri lavori considerati “off-limits”.

Per quanto grandi siano questi sviluppi, però, ricorda che avere una patologia come l'emofilia può comportare ancora dei rischi. Alcuni percorsi professionali, come lavorare in polizia o nei vigili del fuoco non sono ancora accessibili, ma se i potenziali rischi vengono ben gestiti, la maggior parte delle professioni sarà aperta per te, limitata forse solo dalla tua immaginazione!

Con la mente aperta e i consigli giusti dalla tua rete di supporto, il lavoro dei tuoi sogni sarà a portata di mano.

lavorare con l'emofilia